Il Mascara, il 20% della produzione mondiale è italiana.

Il Mascara, il 20% della produzione mondiale è italiana.

2 Gennaio 2019 0 Di IlVittogram

Il mascara, è un accessorio indispensabile oramai, un trucco diciamo non pesante che si applica sulle ciglia, ma non siamo del settore e potremmo dire anche castronaggini, però quello che vogliamo mettere a risalto che il Made in Italy anche qui la fa da padrone, lo sapevate che il 20% del mascara al mondo è italiano?
Beh lo è e siamo ancora una volta orgogliosi di pubblicare questo successo Made in Italy.

Prevede di chiudere quest’anno con un fatturato di 110 milioni di euro, oltre il 20% in più rispetto al 2017 e a dicembre finirà la ristrutturazione dell’area ex-Olivetti di 30mila metri quadrati alla quale ha dedicato un investimento di 10 milioni di euro – 5 milioni per l’acquisto e 5 per la ristrutturazione -: Ancorotti Cosmetics, azienda del polo cosmetico dell’area di Crema che produce make-up per conto terzi, continua a crescere e a innovare.

Il nuovo capannone risponde all’esigenza di un aumento di produzione dell’azienda che, grazie agli alti tassi di incremento che sta registrando negli ultimi anni (è passata da 42 milioni di fatturato nel 2015 a 72 milioni nel 2016 a 90 milioni nel 2017) ha attirato l’attenzione del fondo White Bridge Investments che ha acquisito il 30% della quota del capitale di Ancorotti con l’obiettivo di supportarla nel processo di sviluppo internazionale, di garantire le risorse necessarie per nuovi investimenti e accelerare ulteriormente la crescita.

«Si tratta di un pezzo di storia italiana – racconta orgoglioso il presidente Renato Ancorotti parlando del progetto di recupero edilizio dell’area ex-Olivetti – e non poteva restare in disuso e andare in decadimento. Così, piuttosto che costruire un nuovo stabilimento abbiamo deciso di ristrutturarlo. Era la seconda fabbrica di macchine da scrivere Olivetti dopo quello di Ivrea e si trova a circa un chilometro dal centro di Crema, quindi si può ben immaginare l’impatto che questo gigante abbandonato aveva a livello urbano. Inoltre ha anche un importante valore architettonico essendo progettato da Renzo Piano e Marco Zanuso».

Lo stabilimento ospita al momento il magazzino e la logistica. «Stiamo lavorando al reparto delle materie prime. A dicembre i lavori saranno finiti – aggiunge l’imprenditore -. Si tratta del dodicesimo stabilimento di Ancorotti ed è la conseguenza di un picco di richieste da parte delle aziende, soprattutto dall’estero: il 90% dei ricavi 2017 sono stati realizzati dalle vendite oltre confine.

Per continuare a leggere premere qui

Fonte: ilsole24ore

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail